.
Annunci online

  sapippia [ Ascoltando crescere il riso ]
 
Diario
 


 Scrivete a:

  sapippia@gmail.com

 

Sapippia è anche:

::su:Barralliccu::

 

Sapippia usa:






Sapippia ascolta:









Sul comodino:

The Good Life

di Jay McInerney


Sotto il comodino: 

Il paese delle prugne verdi

di Herta Mueller

L'elegance du hérisson,

di Muriel Barbery

A widow for one year,

di John Irving

Odette Toulemonde,

di Eric-Emmanuel Schmitt

I love shopping con mia sorella

di Sophie Kinsella

Two States,

di Chetan Bhagat

Spingendo la notte più in là

di Mario Calabresi

Midnight's Children

di Salman Rushdie

 

 


I blog che mi piace leggere
La Regina, Madlene

 

 

 

Que viva Mexico

Ceceniasos

Wondermoule

Napoorsocapo

europa
Billo
BeppeGrillo.it
Jack Folla

elfobruno
Ombra
L'aggregatore isolano
The Queen
Scienziati di ventura
linguaggiomacchina


 

La gabbietta in cui faccio girare la ruota 




 


28 marzo 2010

Migrazioni

Ci ho provato. Ho resistito. 

A tutti quelli che mi gridavano "wordpress", rispondevo che tanto il mio blog era comunque moribondo, che non valeva la pena investire nella migrazione. Ma quando è troppo è troppo. 
Anche per un post all'anno, non tollero più la lentezza, la rigidità, il fatto che non sai mai se quello che vuoi fare funzionerà. 

E così è addio al cannocchiale. Da ora in poi, se volete, mi trovate su http://sapippia.wordpress.com. Scusate, ma dal mese scorso non riesco ad inserire link nel cannocchiale....il nuovo blog è ancora in costruzione, ma già funziona meglio di questo.

Pipps


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. migrazioni wordpress ilcannocchiale

permalink | inviato da sapippìa il 28/3/2010 alle 9:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


20 marzo 2010

Hardship duty station

Lavorare dove lavoro mi da diritto a congedi extra. Ogni tanto mi sono chiesta perché. Mi dicono che è perché sono lontana da tutto e da tutti, perché non trovo gli spaghetti barilla al supermercato – come se ci fosse un supermercato – e perché se disgraziatamente mi faccio male un miracolo è più facilmente raggiungibile di un ospedale decente. Ma ho sempre sospettato che non fosse tutto qui.

A New York ci sono dei signori estremamente competenti, degli 007 della sicurezza, che si occupano della security di tutti gli uffici. Gli stessi che ci hanno fatto installare qualche mese fa dei vetri a prova di esplosione alle finestre. In Laos. Nel 2010.

Questi signori raccolgono informazioni, preparano tabelle con modelli matematici elaborati ad Harvard e poi ti danno un voto. 6, 8, 12, 14 settimane. Che sono le settimane che devi trascorrere nella tua sede prima di avere diritto ai famosi congedi extra. Decidono quanto hard è la tua duty station. La mia vale 14, 84 giorni di Luangnamtha prima di poter andare a rinfrancarmi e fare scorta di formaggi (pessimi) a Vientiane.

Qualche giorno fa, finalmente, ho capito il vero perché.

Sono in macchina con tre colleghi rigorosamente laotiani. Il finestrino non si può aprire, che la polvere ci renderebbe rossi come le foglie dei banani che vediamo fuori dai vetri. Leggere non si può, ci sono troppe curve e se ti distrai alla prossima buca sbatti la testa contro il tettuccio. Il lettore mp3 ha la batteria scarica, come nella migliore tradizione.

E solo ora capisco le 14 settimane, anzi mi chiedo perché non sono 6, o perfino 3. Lo 007 dedicato al Laos deve avere fatto il mio stesso viaggio, coi miei stessi colleghi e la batteria dell'mp3 scarica. E non gli è rimasto altro che la colonna sonora del viaggio, e di ogni viaggio in macchina e in autobus in Laos. Altro che spaghetti Barilla, dopo sei ore così ti servono due settimane di ferie. 

http://www.youtube.com/watch?v=R8EPzG_fa5w

<<object width="480" height="385"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/R8EPzG_fa5w&hl=it_IT&fs=1&"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/R8EPzG_fa5w&hl=it_IT&fs=1&" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="480" height="385"></embed></object>>

P.S.= qualcuno mi spiega perché i link sul cannocchio non funzionano più? e come si mettono i link ai video di youtube??


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. musica un laos luangnamtha r&r

permalink | inviato da sapippìa il 20/3/2010 alle 9:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


26 febbraio 2010

Kerp - Scarpe

Il mio quartiere brulica di cani rumorosi quanto inutili. Accolgono i passanti (me compresa) abbaiando e ringhiando come se volesserosbranarli vivi. Li inseguono a distanza ravvicinata terrorizzandoli.

La nuova generazione canina del quartiere però ha scelto un altro hobby. Vengono a trovarci in ufficio, si fanno anche accarezzare per distrarci e poi alla coatta addentano le nostre scarpe in sosta davanti alla porta e se le portano via. E così noi ci ritroviamo a dover uscire scalzi o a urlare alla vicina che poi viene e ce ne riporta cinque o sei, tutte debitamente ciancicate. Tral'altro, hanno una predilezione per le sinistre, cosa vorrà dire?

Nella foto, scarpe da riparare dal calzolaio del Talat Sao, il mercato del mattino di Vientiane. 








permalink | inviato da sapippìa il 26/2/2010 alle 18:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


26 febbraio 2010

Se i blogger in Iran rischiano la pena di morte

di Clothilde Le Coz

Le autorità iraniane lanciano una nuova offensiva contro Internet.
La velocità di connessione ad Internet è stata ridotta in diverse città alla vigilia del trentunesimo anniversario della Rivoluzione Islamica. Questa tattica era già stata utilizzata, in passato, in vista di eventi che l’opposizione avrebbe potuto sfruttare per esprimere il proprio dissenso. Molti siti web sono stati attaccati da hackers: tra questi, Radio Zamaneh, insidiata dal “cyberesercito”, un gruppo legato alla Guardia Rivoluzionaria.

Continua qui

(http://www.novamag.it/2010/02/17/se-i-blogger-in-iran-rischiano-la-vita-di-morte/)






Foto di Farhad Rajabali via The Crunch


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. blog iran traduzioni cose fatte

permalink | inviato da sapippìa il 26/2/2010 alle 16:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


21 febbraio 2010

Dio, patria e famiglia

Ovverosia, c'è sempre un buon motivo per ringraziare di non vivere in Italia: Sanremo.

Mentre voi beatamente vi godevate il festival, io sono stata sottoposta ad una settimana di tortura acustica, i cui ingredienti principali sono stati viaggi interminabili in macchina con tre colleghi laotiani, rantoli di cantanti non meglio identificati, testi ancora meno identificati ma certamente fuori metrica, e batteria del lettore mp3 ovviamente scarica.
[continua...] 








permalink | inviato da sapippìa il 21/2/2010 alle 11:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


14 febbraio 2010

14 febbraio

Brevi considerazioni del 14 febbraio - scritte in canottiera, il che, vista la data, è già un fatto straordinario.

Errore  fatale #1

Errore fatale #1 per un dipendente assunto in prova per tre mesi: mandarmi un sms di auguri di San Valentino alle 7 di mattina di domenica, poco importa che sia il 14 febbraio. Poi ci si chiede perché la gente venga licenziata così facilmente.

Effetti collaterali del consumismo

Tutti i miei colleghi laotiani mi inviano sms con gli auguri di San Valentino. Uno afferma con certezza: "Oggi chiami i tuoi, vero?", riferendosi ovviamente (per lui) a quella che immagina per noi essere una grande festa. Ho il vago sospetto che la televisione tailandese abbia un ruolo in questa storia.

Astri

Oggi è 14 Febbraio. È San Valentino. È anche il compleanno di Roberto. Ma soprattutto, è la Sartiglia e qui non c'è l'ombra di un cavallo. Qualcosa evidentemente non va nel verso giusto.




permalink | inviato da sapippìa il 14/2/2010 alle 12:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


13 febbraio 2010

FOTOBLOG - Finding Figaro

Hair cut in Ban Khamphong, Khmu village in Viengphoukha district, Luangnamtha province




permalink | inviato da sapippìa il 13/2/2010 alle 8:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


29 gennaio 2010

Amministratori sostenibili



A ::su:barralliccu:: piacciono gli amministratori pubblici.

Però non tutti, non sempre e non indistintamente.

A ::su:barralliccu:: piacciono gli amministratori bravi, quelli che si candidano e si fanno eleggere perchè hanno in testa delle idee da realizzare nel loro territorio. E che poi una volta eletti cercano davvero di realizzarle, quelle idee.

Continua qui.





permalink | inviato da sapippìa il 29/1/2010 alle 17:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


17 gennaio 2010

Cosa ho imparato oggi

Ho imparato che se sogni un serpente che ti passa davanti significa chetrovi un fidanzato, se ti gira intorno invece un marito. Se gira intorno alla parte bassa del tuo corpo sarà inferiore a te per posizione, livello di istruzione etc, se invece ti si avvolge dallacintola in su sarà uno superiore a te.

Ho imparato che una donna fu stuprata e uccisa durante la costruzione dell’aeroporto di Bangkok, e il suo corpo cementificato in un pilone (ah, il buon vecchio made in Italy!), così che hanno dovutochiamare uno sciamano per liberare l’aeroporto dallo spirito tormentato della donna. Ora mi sento più tranquilla a volare.

Ho imparato che se dormo da sola in una camera con due letti devo mettere una borsa su quello che non uso, altrimenti lo useranno gli spiriti, e devo mettere le mie scarpe rivolte in direzioni opposte per evitare che entrino nella stanza.

Sono cose da sapere..




permalink | inviato da sapippìa il 17/1/2010 alle 13:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


14 gennaio 2010

I have a dream – end of holidays blues

Sogno di lavorare in un posto di cui capisco, anche vagamente, anche non completamente, la lingua.

Sogno di poter sollevare la cornetta e telefonare alla mia controparte governativa «Buongiorno Johnny, come va, allora per quel progetto come procediamo».

Sogno di avere un documento ufficiale in mano e di riuscire a leggerlo senza passare attraverso il filtro di sorridenti traduttori e perdere un quarto del senso nel migliore dei casi.

Sogno di lavorare in un contesto in cui mi viene detto come vanno le cose.

Sogno di capire i segreti meccanismi che spiegano perchè, per fare la stessa identica cosa, a volte basta una telefonata e altre invece è assolutamente necessaria una lettera in carta intestata.

(scritto due giorni fa, ora sono praticamente guarita)





permalink | inviato da sapippìa il 14/1/2010 alle 14:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio       
 

 rubriche

Diario
STORIE IN CALZAMAGLIA
CARTOLINE D'ESTATE
LE RECENSIONI DELL'INESPERTO
L'ALBERGO DEI POVERI
COSE FATTE

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

QUELLA GRAN DONNA DI MIA SORELLA
L'AMICOMIODELCUORE: il blog di uno che ha molto da dire al mondo
Ilariona
ANIMALCAFE
ADASPINA
ANNARUZZ SCIUPETTUZ
Lawrence
RAFFILLIMA
GIÒ
L'uomo di Ilariona
LA CONGREGA DELLA SPIGA: coloro con cui il destino ha voluto farmi spartire molti anni
MIA GIULIA
COMMA', PRIMA O POI CI INCONTREREMO...!
Mr. Karestia il viandante

Blog letto 105048 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom